Scienze Umane

Home » Diario

Category Archives: Diario

Competenze digitali per l’insegnamento

https://prezi.com/embed/96bdtx9buq1l/?bgcolor=ffffff&lock_to_path=0&autoplay=0&autohide_ctrls=0&landing_data=bHVZZmNaNDBIWnNjdEVENDRhZDFNZGNIUE43MHdLNWpsdFJLb2ZHanI5K3grM1lJNDFUTEVkdlRVUVYyOCtDa1VnPT0&landing_sign=ahsAShvMD1fPpgVRc3h2RlwYy7KBg0VjhuW5SYByxZg

Mappa del fascismo

https://mm.tt/845758168?t=MUqJB75Nml

Mappa sul fascimo

https://www.mindmeister.com/maps/public_map_shell/845758168/le-origini-del-fascismo?width=600&height=400&z=auto

Quiz

http://uk3.hotpotatoes.net/ex/161664/HQRWGQPS.php

La letteratura e la guerra

La Grande Guerra ha influenzato profondamente la letteratura del periodo, ne sono due esempi la poesia di Wilfried Owen e il romanzo di Erich Maria Remarque. Leggi gli estratti riportati nella seguente scheda: Scarica la scheda

A proposito di Pasqualina

Leggo che ci sarà un nuovo convegno a Macerata sul “fenomeno Pasqualina”, con tanto di docenti, scienziati e medici, mescolati ad uno studioso di parapsicologia. Non capisco esattamente che piega voglia avere questo convegno, ma voglio esprimere il mio personale disagio, di fronte al credito che tali storie “miracolistiche” hanno fra la gente che mi circonda e con la quale convivo. A tal proposito riporto uno scambio di e-mail avuto con uno dei responsabili del Cicap.

(altro…)

Sulla (im)possibilità di conoscere se stessi

Rileggendo Bergson ho pensato che conoscere se stessi è impossibile. Diciamo meglio: se pensiamo di conoscere noi stessi, la nostra interiorità – ciò che Bergson chiama  durata e che coincide con la coscienza, con la nostra storia vissuta – ecco se pensiamo di conoscere il tempo della vita come se si trattasse di un qualunque meccanismo e quindi con gli strumenti della logica e del linguaggio, allora siamo destinati al fallimento.

(altro…)

L’esperienza artistica

L’esperienza artistica supera i limiti della logica, permette di essere se stessi e altro da sé allo stesso tempo, di essere prossimi e lontani. Ciò che nella vista diretta sarebbe insopportabile (come il sole agli occhi dello schiavo appena uscito dalla caverna, nel mito platonico), nella rappresentazione, nella messa in scena, diviene sopportabile. La messa in scena, allo stesso tempo, attenua e intensifica l’oscura forza vitale che domina ogni uomo. Facciamo esperienza del fondo tragico del nostro esistere, senza impazzire, mantenendo, paradossalmente, il distacco nell’immedesimazione.