Scienze Umane

Home » Diario » La paidéia filosofica

La paidéia filosofica

Oggi in Pedagogia, con la classe IH, abbiamo cominciato a parlare del rapporto tra educazione e filosofia (in termini tecnici si chiama paidéia filosofica quella forma di educazione, diffusasi in Grecia a partire dal V secolo a.c., che affonda le sue radici nella cultura filosofica).

Sul libro abbiamo cominciato a leggere il capitolo intitolato “I sofisti, maestri d’arte politica”.

Vi invito a leggere anche questo mio riassunto del tema:

La paidéia filosofica

La nascita della filosofia. In Grecia, intorno al VII secolo a.C., nasce la filosofia (dal greco, philéin = “amare” e sophía = “sapienza”, quindi “amore del sapere”. Il filosofo è “colui che ama il sapere”, chi ricerca con passione la conoscenza). La filosofia è una forma di riflessione e ricerca che, diversamente dalla religione e dal mito, cerca di spiegare la realtà servendosi della ragione. I filosofi diedero un contributo fondamentale alla formazione greca, soprattutto a partire dal V secolo a.C., con il rapido evolversi della società in senso democratico.

Il modello democratico ateniese. Nel periodo che va dalla vittoria sui Persiani (478 a.C.) fino all’inizio della seconda guerra del Peloponneso (431 a.C.), l’intero mondo ellenico conosce una notevole fioritura sociale e culturale: l’economia agraria lascia il posto al nuovo modello artigianale e mercantile; alla società aristocratica chiusa (dove lo status sociale dipendeva dalla nascita) subentra una società dinamica e aperta (caratterizzata dalla mobilità di classe legata alla ricchezza e alla capacità individuale). Dal punto di vista politico, nel V secolo a.C., si afferma ad Atene e in altre città il modello della democrazia diretta assembleare, alla quale tutti coloro che hanno lo status di cittadino possono partecipare in prima persona (sebbene restino comunque esclusi sia le donne, sia gli schiavi e i meteci, cioè gli stranieri liberi). Queste trasformazioni determinano l’abbandono dei temi naturalistici (di cui si erano occupati i primi filosofi) e la centralità dell’interesse per l’uomo. I sofisti e Socrate, sono i maggiori rappresentanti di questo nuovo interesse: per entrambi, la filosofia ha come oggetto l’uomo e la società, e si realizza nella città, in una dimensione sociale e interpersonale[1].

È la democrazia lo spazio dei nuovi filosofi. L’esigenza della formazione politica viene posta per la prima volta con forza, affinché i cittadini possano partecipare attivamente alle discussioni per la risoluzione dei problemi della comunità, alla decisione delle soluzioni e alla loro conversione in leggi. I sofisti furono i primi a offrire un “saper fare” (l’arte di costruire discorsi persuasivi), adeguato alla nuova situazione e ai nuovi bisogni, fondamentale in una democrazia che ha come cuore l’assemblea. Socrate, in polemica con i sofisti, invitava i suoi concittadini ad andare oltre il linguaggio, la retorica, alla ricerca dei valori senza dei quali un uomo non sarebbe tale, né sarebbe un buon cittadino. Con i sofisti e con Socrate si assiste ad una svolta antropologica: lo sguardo filosofico non è più rivolto al mistero dell’universo, ma all’uomo e alla città, con lo scopo di contribuire a risolvere i problemi della comunità. Dalla centralità dell’universo si passa alla centralità dell’uomo, alla ricerca della felicità. L’educazione forma gli individui e ogni individuo forma il proprio destino.

I sofisti maestri d’arte politica

Nel V secolo a.C., con la trasformazione della pólis in senso democratico, si afferma una nuova categoria di intellettuali e di educatori: i sofisti, i quali furono “insegnanti di professione”, dediti, dietro pagamento, alla formazione dell’ “uomo politico”. La Città-Stato si regge sulle leggi fatte dagli uomini, e ogni cittadino può partecipare alla vita politica, battendosi per far prevalere la propria opinione. Pertanto diventa importante saper convincere gli altri e questo è ciò che i sofisti insegnavano.

La verità non è accessibile all’uomo (contraddittorietà delle tesi, differenze fra i punti di vista e fra le culture). La filosofia deve occuparsi non delle verità assolute, ma dei problemi della comunità. Il linguaggio, liberato dal vincolo della verità, assume un ruolo fondamentale nella democrazia: far prevalere la proposta più utile e trasformarla in legge. Le leggi non hanno rapporto con la verità, ma sono semplici convenzioni umane.

Testo. Platone: Protagora e l’essenza dell’insegnamento sofistico (p. 79)

In questo passo Protagora (uno dei maggiori rappresentanti della sofistica) parla con Socrate, illustrandogli le peculiarità del suo insegnamento. Protagora si proclama maestro di “accortezza” e di abilità nella vita politica, dicendosi in grado di formare “buoni cittadini” con la propria arte (tecnica).

I sofisti si ritengono esperti nelle “tecniche” della dialettica e della retorica, il cui insegnamento (dietro pagamento) mettono a disposizione di chiunque voglia affermarsi sulla scena politica. La dialettica è l’abilità di prevalere sull’interlocutore, a prescindere dalle posizioni sostenute; la retorica è l’arte di persuadere il pubblico, esprimendosi con eleganza ed efficacia[1]. Secondo i sofisti, di qualunque questione si può sostenere efficacemente sia una posizione favorevole, sia una posizione contraria.

Testo. Platone: Gorgia e l’importanza pedagogica della retorica (p. 80)

In questo passo Gorgia si rivolge a Socrate, esaltando la retorica come arte della persuasione. Gorgia sostiene che un buon retore è in grado di parlare di qualsiasi argomento in modo da convincere e imporsi su qualunque avversario, anche più preparato e competente di lui. La retorica come arte della persuasione non è in sé negativa, egli sostiene: solo il suo cattivo uso è da biasimare.

Accanto alla retorica e alla dialettica, tra i capisaldi del percorso formativo i sofisti propongono l’acquisizione di un sapere di carattere enciclopedico (una cultura vasta che tocchi un po’ tutti gli ambiti, detta in greco polymátheia[2]), che possa servire da solida base culturale per costruire discorsi efficaci.

I sofisti pongono al centro della loro ricerca l’essere umano e la vita sociale. Essi considerano l’educazione molto importante, perché ogni individuo, se correttamente educato, può affermarsi nella vita politica, a prescindere dalla sua origine o condizione sociale. L’areté non è, per loro privilegio, dell’aristocrazia. In quanto la virtù si identifica con il sapere, essa è anche insegnabile, pertanto l’istruzione e l’educazione permettono di acquisire un grande potere. Paidéia, che più anticamente significava “allevamento e cura dei fanciulli”, ora, con i sofisti, diventa sinonima di “cultura” e di “educazione mediante la cultura[3].


[1] Per approfondimenti sulla retorica: http://it.wikipedia.org/wiki/Retorica

[2] Le discipline insegnate dai sofisti sono quelle che all’inizio del Medioevo andranno a costituire il Trivio (grammatica, dialettica, retorica) e il Quadrivio (aritmetica, geometria, musica, astronomia)

[3] Infatti per noi “pedagogia” (anche se deriva dalla parola greca páis = fanciullo) non si riferisce solo all’educazione del fanciullo ma all’educazione di tutti gli individui


[1] Con l’inizio della seconda guerra del Peloponneso, il modello delle póleis si avvia a un rapido declino. Dopo il governo dei Trenta Tiranni imposto da Sparta, la restaurazione democratica ateniese pronuncia la condanna a morte di Socrate (399 a.C.).

Potete scaricare questa dispensa che riassume anche i prossimi argomenti che tratteremo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: